Status Attuale
Not Enrolled
Prezzo
Gratuito

Introduzione video da parte del Professore Michel Veuthey, Presidente del CUHD.

Motivi per seguire questo corso

 

Il corso online “Comprendere e contrastare la tratta di esseri umani – Un corso di formazione per gli aiutanti”. è costruito per soddisfare le aspettative di un pubblico su diversi livelli:

  • persone attive e responsabili di progetti nel settore della tratta di esseri umani,
  • esperti che cercano una vera e propria biblioteca di riferimento sulla tratta, legislazioni e piani d’azione per paese, guide e ricerche sulla tratta di esseri umani da parte dei più importanti attori legali e operativi,
  • tutti quelli che desiderano capire il problema della tratta di esseri umani.

Questo corso si propone di offrire strumenti professionali e pratici per contrastare la tratta e sostenere le vittime. Lo fa promuovendo tre campi d’azione:

  1. Prevenzione delle condizioni (povertà, disuguaglianza, abusi familiari) che favoriscono la tratta;
  2. Assistenza alle vittime e ai sopravvissuti, sostenendo la loro riabilitazione fisica e psicologica e assistendo il loro reinserimento sociale;
  3. Coordinamento delle attività con le reti di supporto già esistenti.

N avigare liberamente e raggiungere rapidamente l’argomento che vi interessa.

A ccesso alle migliori pratiche: il corso può essere utilizzato come una biblioteca per trovare documenti, esempi, ecc.

è completamente gratuito al fine di renderlodisponibilea unvasto pubblico.

Questo corso è stato progettato

  • per condividere le migliori pratiche di lotta e prevenzione della tratta di esseri umani, condividendo documenti, video e manuali sulla protezione, la riabilitazione e il reinserimento delle vittime, nonché sull’impatto psicologico sugli aiutanti (aiutandoli a evitare il burnout e a rimanere efficaci).
  • rendere disponibile il materiale è importante per la riflessione e l’azione sviluppato da organizzazioni internazionali (UNODC, OHCHR, OIM, UNHCR, UNICEF), organizzazioni regionali (in particolare il Consiglio d’Europa, l’Unione Europea e l’OSCE), ONG (in particolare l’ICMC), centri di ricerca e formazione, fondazioni, media (ARTE, BBC, ecc.), comunità religiose (in particolare la Chiesa cattolica), senza dimenticare le organizzazioni gestite da sopravvissuti a questa forma di schiavitù contemporanea”.

Il corso è illustrato da un gran numero di video, relazioni, linee guida, manuali e testimonianze; fornisce i rapporti e i dati più riconosciuti.

Accesso al materiale didattico

I materiali del corso e le relative appendici sono disponibili cliccando sul menu dei materiali all’inizio di ogni capitolo e lezione, come mostrato di seguito:

Per trovare il materiale introduttivo del corso, navigare all’inizio di questa pagina introduttiva. È possibile spostarsi facilmente dalla pagina dei corsi a quella dei materiali didattici facendo clic su uno qualsiasi dei menu.
FONTI: tutti i dati riportati di seguito provengono da studi e rapporti redatti da www.globalslaveryindex.org. L’Indice Globale della Schiavitù riporta le seguenti note LIMITAZIONI DEI DATI – PREVALENZA: Mentre le stime regionali della prevalenza della schiavitù moderna sono state presentate nel Global Estimates of Modern Slavery, sono state rilevate lacune nei dati disponibili. Queste sono particolarmente problematiche negli Stati arabi dove sono state condotte solo due indagini nazionali, nessuna delle quali in un paese del Consiglio di Cooperazione del Golfo (CCG), nonostante l’incidenza del lavoro forzato riportata da varie fonti in settori quali il lavoro domestico e l’edilizia nel CCG. Inoltre, la misurazione del matrimonio forzato tra i residenti dei paesi della regione è particolarmente problematica laddove non esistono indagini. Nel complesso, queste lacune indicano una significativa sottostima della portata della schiavitù moderna in questa regione.

Analogamente, in genere non è possibile effettuare indagini in paesi che stanno vivendo un conflitto profondo e attuale, come Siria, Iraq, Yemen, Libia, Sud Sudan e parti della Nigeria e del Pakistan. Tuttavia, è noto che il conflitto è un fattore di rischio significativo: la rottura dello stato di diritto, la perdita dei supporti sociali e le interruzioni che si verificano con il conflitto aumentano il rischio di lavoro forzato e di matrimonio forzato. La mancanza di dati provenienti da paesi in conflitto significa che le stime sulla schiavitù moderna, nelle regioni in cui sono presenti conflitti, vengono sottovalutate. L’utilizzo dei dati sulla vulnerabilità contribuisce in qualche modo a mitigare l’impatto di questa lacuna; tuttavia, la necessità di disporre di dati migliori nei paesi in conflitto rimane una priorità di ricerca urgente.

2010 Stima totale degli schiavi in milioni

2018 Stima totale degli schiavi in milioni

2018 Stima totale degli schiavi in Europa e Asia centrale in milioni

2018 Stima totale degli schiavi nelle Americhe in milioni

2018 Stima totale degli schiavi in Asia e nel Pacifico in milioni

2018 Stima totale degli schiavi in Africa in milioni

2018 Stima totale degli schiavi negli Stati arabi in milioni

Vedi sopra la nota sulle LIMITAZIONI DEI DATI – PREVALENZA

Il desiderio di ricordare gli schiavi del passato va applaudito, senza cadere nel trionfalismo e nel compiacimento. È urgente impegnarsi concretamente per la liberazione degli schiavi moderni e per l’abolizione di tutte le forme contemporanee di tratta..

La schiavitù si sta sviluppando oggi a livelli che vanno oltre quelli conosciuti nei secoli precedenti: si stima che nel 2010 ci fossero 27 milioni di schiavi nel mondo. Questa cifra rappresenta il doppio di tutti gli schiavi africani che sono stati costretti a emigrare dall’Africa nelle Americhe. Nel 2019, secondo le ultime stime prodotte dalle Organizzazioni Internazionali, il numero di persone private della libertà nel mondo è di oltre 45 milioni, con una forte crescita tra il 2010 e il 2019. I profitti della schiavitù moderna nel mondo, secondo le stesse fonti, superano i 150 miliardi di dollari.

Risorgimento contemporaneo

La schiavitù non è scomparsa. Nonostante sia vietata da una serie di strumenti giuridici nazionali e internazionali, la schiavitù è in aumento in tutto il mondo, perfino in Europa, anche se spesso è invisibile.

Secondo il Global Slavery Index (www.globalslaveryindex.org/findings), il 58% delle vittime si trova in 5 Paesi: India, Cina, Pakistan, Bangladesh e Uzbekistan. Le donne e le ragazze rappresentano il 71% degli schiavi, ovvero quasi 29 milioni di persone. Una vittima su quattro della schiavitù moderna è un bambino, ovvero circa 10 milioni. In Europa si stima che siano più di un milione, la maggior parte dei quali provenienti da Romania, Bulgaria e Slovacchia, oltre che da Nigeria, Cina e Brasile. Il lavoro forzato e lo sfruttamento sessuale sono le forme di schiavitù più diffuse in Europa.

% delle vittime di schiavitù oggi in schiavitù lavorativa

% delle vittime di schiavitù oggi in schiavitù da matrimonio forzato

% delle vittime di schiavitù oggi in schiavitù sessuale

Ulteriori dati per Paese sono disponibili nel GLOBAL SLAVERY INDEX.

  • Nel 2010, si stima che ci fossero 27 milioni di schiavi moderni nel mondo (il doppio degli schiavi africani costretti a migrare nelle Americhe).
  • Nel 2018, le ultime stime parlano di oltre 45 milioni.
  • I profitti della schiavitù moderna superano i 150 miliardi di dollari.
  • Nel 2018, in Europa e Asia Centrale,[1]secondo il Global Slavery Index[2], il numero totale di vittime della schiavitù è stato di 3,6 milioni (1,3 milioni per l’Unione Europea).
  • Il 58% delle vittime si trova in 5 Paesi: India, Cina, Pakistan, Bangladesh e Uzbekistan. Le donne e le ragazze rappresentano il 71%. Una vittima su quattro è un bambino. Il lavoro forzato e lo sfruttamento sessuale sono le forme più diffuse in Europa.

La % delle vittime della schiavitù oggi sono donne e ragazze

La % delle vittime della schiavitù oggi sono uomini e ragazzi

La percentuale di schiavi oggi è costituita da bambini di età inferiore ai 18 anni

La schiavitù è spesso invisibile. Questo provoca un’inadeguata consapevolezza delle autorità e delle strutture di aiuto, pubbliche o private.

  • Si ritiene che nel 2016 una vittima su quattro, delle forme contemporanee di schiavitù, fosse un bambino. Le donne e le ragazze sono state colpite in modo sproporzionato, con oltre il 71% delle vittime di sesso femminile. Dei 24,9 milioni di persone che hanno sperimentato il lavoro forzato, 4,1 milioni di persone sono state soggette a lavoro forzato imposto dallo Stato, 4,8 milioni di persone hanno sperimentato lo sfruttamento sessuale forzato di adulti e/o lo sfruttamento sessuale commerciale di bambini e 16 milioni di persone hanno sperimentato lo sfruttamento del lavoro forzato nell’economia privata. [3]

Per aiutarvi a comprendere meglio l’entità e la profondità del problema, vi segnaliamo quanto segue:

I punti principali del rapporto 2019 del Relatore Speciale delle Nazioni Unite sulle forme contemporanee di schiavitù – (A/HRC/42/44)

 

IL RAPPORTO SULLE FORME ATTUALI ED EMERGENTI DI SCHIAVITÙ DELLA RELATRICE SPECIALE (URMILA BHOOLA) AL CONSIGLIO DEI DIRITTI UMANI (SETTEMBRE 2019) AFFERMA:

 

Il futuro del lavoro

  • La vulnerabilità alla schiavitù è strettamente legata alla regolamentazione e alle dinamiche del mercato del lavoro.
  • L’informalità, compresa la casualità, e altre forme di precarietà del lavoro sono fattori di rischio per la vulnerabilità alla schiavitù.
  • Se i cambiamenti tecnologici e sociali nel mondo del lavoro non sono incentrati sull’uomo e non si affrontano le tendenze al deficit di lavoro dignitoso, 22 la precarietà nei mercati del lavoro potrebbe aumentare,23 e con essa il rischio di schiavitù. I lavori meno qualificati saranno suscettibili di essere interrotti dall’automazione, con la conseguenza che i lavoratori sfollati si troveranno a competere con altri lavoratori poco qualificati per un numero minore di posti di lavoro a salari più bassi.

 

Tendenze demografiche e migrazioni

  • L’accesso limitato al lavoro è anche uno dei principali fattori che spingono alla migrazione, di per sé una delle principali fonti di vulnerabilità alla schiavitù.
  • La migrazione continuerà probabilmente ad aumentare a causa di fattori di spinta come i conflitti, la disuguaglianza di reddito, la mancanza di opportunità economiche e i cambiamenti climatici, e di fattori di attrazione come la domanda di lavoro.
  • I cambiamenti economici avranno un impatto anche sulla geografia della schiavitù. L’Asia, già gravata dalla più alta prevalenza assoluta di schiavitù secondo le stime globali, sta vivendo un boom economico che può aumentare il rischio di schiavitù in alcuni settori economici, in particolare l’edilizia e lo sviluppo di infrastrutture.

 

Cambiamento ambientale

  • Anche la geografia delle forme contemporanee di schiavitù sarà fortemente influenzata dai cambiamenti climatici e ambientali.
  • Entro il 2050, circa 5 miliardi di persone potrebbero vivere in aree in cui il clima “supererà i limiti storici di variabilità”, 31 e 143 milioni di persone nell’Africa subsahariana, nell’Asia meridionale e in America Latina dovranno affrontare migrazioni interne a causa dei cambiamenti climatici, 32 che aumenteranno la vulnerabilità di queste popolazioni.
  • Esistono anche prove di covarianza tra la probabilità di forme contemporanee di schiavitù e la probabilità di violazioni degli standard ambientalie delle leggi, sia nell’industria della pesca, che nella silvicoltura o nell’agricoltura.

 

Altre tendenze emergenti

  • Le nuove tecnologie stanno portando a nuove forme di sfruttamento, come costringere i bambini a partecipare allo sfruttamento sessuale online.
  • Ci sono anche segnali inquietanti che suggeriscono una recrudescenza della schiavitù nei contesti di conflitto armato, non solo come metodo di reclutamento, ma sempre più spesso anche come tattica aperta di assoggettamento ideologico e di finanziamento del conflitto.
  • Gli spostamenti indotti dai conflitti sono ai massimi storici, limitando ulteriormente l’accesso delle persone a un lavoro dignitoso, interrompendo le reti sociali e aumentando la loro vulnerabilità alla servitù per debiti, al lavoro forzato, allo sfruttamento sessuale a fini commerciali, al lavoro minorile e a forme di matrimonio servile come mezzo per sopravvivere e far fronte alla situazione.
  • Infine, il rischio di matrimoni forzati e servili e di schiavitù sessuale aumenterà nelle società in cui esiste un persistente squilibrio di genere, un fenomeno che spesso deriva dalla pratica dell’aborto selettivo.

Rimedi

Esiste una necessità generale di sensibilizzazione, informazione e formazione. È necessario uno sforzo globale a livello nazionale, regionale e internazionale per affrontare questa massiccia negazione globale dei diritti umani fondamentali.

Nella realtà quotidiana, le vittime della schiavitù che vivono accanto a noi hanno bisogno di strutture di accoglienza, protezione e reinserimento. Le vittime sono invisibili, a differenza di altri periodi della storia della schiavitù. Questa vera e propria invisibilità contribuisce a una consapevolezza inadeguata delle nostre autorità e delle nostre strutture di aiuto, siano esse pubbliche o private.

L’attività più urgente e necessaria è quella di promuovere la conoscenza dei fatti e dei processi di sviluppo della schiavitù moderna. I governi e la società civile devono inoltre adottare misure per aiutare e riabilitare le vittime della schiavitù moderna. Infine, è necessaria la prevenzione attraverso l’educazione e altre misure economiche, sociali e politiche che ripristinino lo stato di diritto, assicurino la protezione e la riabilitazione dei sopravvissuti e perseguano i criminali.

FINE DELLE CITAZIONI

—————————————————————————————————-

Struttura del corso

 

L’approccio adottato in questo corso potrebbe essere“olistico”.in quanto cerca di considerare la tratta nella sua interezza, tenendo conto delle sue complesse implicazioni. Questo approccio analizza i fattori economici rilevanti e le politiche migratorie, considerando la profonda evoluzione dei ruoli e delle relazioni di genere. Da questo punto di vista, lo sfruttamento, sessuale o di altro tipo, è al centro della tratta.

Questo corso si propone di offrire al lettore uno strumento professionale e pratico per contrastare la tratta e sostenere le vittime. Lo fa promuovendo tre campi d’azione:

  1. Prevenzione delle condizioni che favoriscono la tratta (povertà, disuguaglianza, abusi familiari);
  2. Assistenza alle vittime, sostenendo la loro riabilitazione fisica e psicologica e assistendole nel reinserimento sociale;
  3. Coordinamento delle attività con le reti di supporto già esistenti.

Il corso illustra il fenomeno della tratta di persone e i suoi corollari, definendo dapprima l’argomento e approfondendo poi le sue varie implicazioni. I principali temi legati alla tratta sono suddivisi in sette capitoli, ognuno dei quali presenta una spiegazione di base come trampolino di lancio per ulteriori approfondimenti. I capitoli 1-3 sono strettamente legati alla migrazione, pertanto iniziano con una discussione sui migranti o sulla migrazione prima di passare alla tratta e alle sue vittime.

La suddivisione dei temi e la disposizione coerente di ogni capitolo consente allo studente di consultare sezioni specifiche in base all’interesse o alla necessità, nonché al livello di conoscenza.

 

 

Nota editoriale

 

Desideriamo ringraziare in modo particolare la Sig.ra Kelly Ryan per il suo fondamentale supporto e impegno e per averci segnalato l’interessantissima pubblicazione di Stefano Volpicelli del dicembre 2004 “Comprendere e contrastare la tratta di persone – Gli atti del seminario per le religiose”. preparato per l’OIM Italia, a Roma, nel dicembre 2004, è servito da ispirazione e struttura per questo corso a cui abbiamo aggiunto molti documenti, illustrazioni e esempi, compresi gli aggiornamenti. Questo documento è stato pubblicato nell’ambito del progetto “Counter-Trafficking Training Programme for Religious Personnel” in collaborazione con l’Ambasciata degli Stati Uniti d’America presso la Santa Sede e con il finanziamento del Bureau of Population Refugees and Migration del Dipartimento di Stato americano. È grazie alla Sig.ra Kelly Ryan che questo corso è stato istituito.

Contenuto del Corso

Espandi tutto
Secured By miniOrange